OROLOGIO UFFICIALE
Difendiamo la COSTITUZIONE

Galleria


Ultimi argomenti
» BUON ANNO!!!!!!
Gio Set 03, 2015 10:38 pm Da Marti

» datemi un pezzo di pane
Mar Mar 10, 2015 8:11 pm Da Luigi

» presso una casa antica e bellaaaaa
Mar Mar 10, 2015 8:10 pm Da Luigi

» dio creò l'uomo a sua immagine e somiglianza...
Mar Mar 10, 2015 8:10 pm Da Luigi

» aaa
Mar Mar 10, 2015 8:09 pm Da Luigi

» 
Mar Gen 07, 2014 10:24 pm Da Luigi

» La cosa divertente
Ven Dic 27, 2013 1:56 am Da QUEL POVERO DIAVOLO

» Chi è quel coglione che si iscrive a questo forum?
Ven Dic 27, 2013 1:46 am Da QUEL POVERO DIAVOLO

» 
Mer Giu 19, 2013 5:49 pm Da Aurora

Preghiera funebre

Mar Nov 15, 2011 5:26 pm Da Selene°La sposa Cadavere°

De profùndis clamàvi ad te, Dòmine;
Dòmine, exàudi vocem meam.
Fiant àures tuæ intendèntes
in vocem deprecatiònis meæ.
Si iniquitàtes observàveris, Dòmine,
Dòmine, quis sustinèbit?
Quia apud te propitiàtio est,
et propter legem tuam sustìnui te, Dòmine.
Sustìnuit ànima mea in verbo ejus,
speràvit ànima mea in Dòmino.
A custòdia matutìna usque ad noctem,
speret Ìsraël in Dòmino,
quia apud Dòminum …

[ Lettura completa ]

Commenti: 0

ma a cosa ci fa ancora qua sto forum?

Sab Ago 07, 2010 6:14 pm Da Fenicottero Color Merda

Una buon anima che lo cancella no? So fort'

Commenti: 1

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca

Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Messaggio Da QUEL POVERO DIAVOLO il Dom Nov 28, 2010 5:28 pm

RUDI® ha scritto:Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
avatar
QUEL POVERO DIAVOLO
Tonno Insuperabile
Tonno Insuperabile

Maschile
Numero di messaggi : 4325
Età : 26
Località : dove cazzo mi pare
Occupazione/Hobby : quel che cazzo mi pare
Umore : come cazzo mi pare
Data d'iscrizione : 09.01.09

Vedi il profilo dell'utente http://maps.google.com/maps?hl=it&ie=UTF-8&tab=il

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Messaggio Da QUEL POVERO DIAVOLO il Dom Nov 28, 2010 5:28 pm

RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
avatar
QUEL POVERO DIAVOLO
Tonno Insuperabile
Tonno Insuperabile

Maschile
Numero di messaggi : 4325
Età : 26
Località : dove cazzo mi pare
Occupazione/Hobby : quel che cazzo mi pare
Umore : come cazzo mi pare
Data d'iscrizione : 09.01.09

Vedi il profilo dell'utente http://maps.google.com/maps?hl=it&ie=UTF-8&tab=il

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Messaggio Da QUEL POVERO DIAVOLO il Dom Nov 28, 2010 5:28 pm

RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
avatar
QUEL POVERO DIAVOLO
Tonno Insuperabile
Tonno Insuperabile

Maschile
Numero di messaggi : 4325
Età : 26
Località : dove cazzo mi pare
Occupazione/Hobby : quel che cazzo mi pare
Umore : come cazzo mi pare
Data d'iscrizione : 09.01.09

Vedi il profilo dell'utente http://maps.google.com/maps?hl=it&ie=UTF-8&tab=il

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Messaggio Da QUEL POVERO DIAVOLO il Dom Nov 28, 2010 5:29 pm

RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
avatar
QUEL POVERO DIAVOLO
Tonno Insuperabile
Tonno Insuperabile

Maschile
Numero di messaggi : 4325
Età : 26
Località : dove cazzo mi pare
Occupazione/Hobby : quel che cazzo mi pare
Umore : come cazzo mi pare
Data d'iscrizione : 09.01.09

Vedi il profilo dell'utente http://maps.google.com/maps?hl=it&ie=UTF-8&tab=il

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Messaggio Da QUEL POVERO DIAVOLO il Dom Nov 28, 2010 5:29 pm

RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
avatar
QUEL POVERO DIAVOLO
Tonno Insuperabile
Tonno Insuperabile

Maschile
Numero di messaggi : 4325
Età : 26
Località : dove cazzo mi pare
Occupazione/Hobby : quel che cazzo mi pare
Umore : come cazzo mi pare
Data d'iscrizione : 09.01.09

Vedi il profilo dell'utente http://maps.google.com/maps?hl=it&ie=UTF-8&tab=il

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Messaggio Da QUEL POVERO DIAVOLO il Dom Nov 28, 2010 5:30 pm

RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
avatar
QUEL POVERO DIAVOLO
Tonno Insuperabile
Tonno Insuperabile

Maschile
Numero di messaggi : 4325
Età : 26
Località : dove cazzo mi pare
Occupazione/Hobby : quel che cazzo mi pare
Umore : come cazzo mi pare
Data d'iscrizione : 09.01.09

Vedi il profilo dell'utente http://maps.google.com/maps?hl=it&ie=UTF-8&tab=il

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Messaggio Da QUEL POVERO DIAVOLO il Dom Nov 28, 2010 5:30 pm

RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:
RUDI® ha scritto:Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso al terrorismo di stato.

Il Regime del Terrore si sviluppò con la direzione del Comitato di salute pubblica, corpo collegiale di dodici membri capeggiato da Maximilien Robespierre, che cadrà poi vittima della sua campagna di terrore.

Il termine Terrore non poteva essere più appropriato. I tribunali rivoluzionari condannarono sommariamente a morte migliaia di civili innocenti, che vennero giustiziati con la ghigliottina; altri furono incolpati di turbativa, a volte per le loro opinioni o atti politici, ma spesso senza altra giustificazione che il sospetto. La maggioranza delle vittime veniva trasportata cerimoniosamente alla ghigliottina in carri che passavano fra la gente che ne faceva scherno.

Questa politica obbligò numerosi cittadini all'esilio, appartenessero o meno all'antico regime; in realtà, liberali come Chateaubriand soffrirono quel destino, benché in seguito molti ritornassero alla vita pubblica durante il governo di Napoleone.

Il Terrore ebbe inizio il 5 settembre del 1793 quando l'Assemblea Nazionale votò in favore di ben orchestrate azioni di terrore per reprimere le attività controrivoluzionarie. Il Regime del Terrore durò fino alla primavera del 1794 e causò la morte di un numero di cittadini francesi valutabile fra 35.000 a 40.000 persone. Soltanto nel mese precedente alla sua abolizione si ebbero 1.300 esecuzioni.

Il consenso della maggioranza della Convenzione nazionale al Terrore venne meno con le vittorie registrate a partire dalla fine del 1793: (i) a sud era stata repressa nel sangue la insurrezione federalista, a seguito dell’assedio di Lione e di Tolone, (ii) sul fronte vandeano, erano stati registrati i decisivi successi di Cholet e di Le Mans (seguito, quest’ultimo, dalla mattanza di Savenay), (iii) a nord, sul fronte principale era stata vinta la decisiva battaglia di Fleurus (26 giugno 1794), che aveva costretto le truppe della prima coalizione ad abbandonare i Paesi Bassi austriaci.


Venendo meno la possibilità di un'invasione del territorio nazionale, venne anche meno l'emergenza con la quale si era cercato di giustificare misure dittatoriali ed al primo errore di Robespierre vari membri della Convenzione ne approfittarono per farlo arrestare il 27 luglio, (9 di Termidoro), insieme a vari suoi seguaci. La sua esecuzione, avvenuta il giorno dopo, segnò praticamente la fine del Regime del Terrore.
avatar
QUEL POVERO DIAVOLO
Tonno Insuperabile
Tonno Insuperabile

Maschile
Numero di messaggi : 4325
Età : 26
Località : dove cazzo mi pare
Occupazione/Hobby : quel che cazzo mi pare
Umore : come cazzo mi pare
Data d'iscrizione : 09.01.09

Vedi il profilo dell'utente http://maps.google.com/maps?hl=it&ie=UTF-8&tab=il

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il Regime del Terrore, che spesso è conosciuto semplicemente come Il Terrore, abbracciò un periodo della storia della Rivoluzione francese cha va dal 1793 al 1794, caratterizzato dalla brutale repressione, da parte dei rivoluzionari, mediante il ricorso a

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum